News

La finanza secondo gli ingegneri della FMC

 

 

Non solo gli studenti di finanza partecipano alla FMC, ma anche studenti di statistica e ingegneri gestionali, come nel caso del Politecnico di Milano. Nonostante la difficoltà del competere con rivali più preparati sulle materie finanziarie, gli ingegneri della FMC sono riusciti a rendere la loro diversità il loro punto di forza. Hanno affrontato la sfida finanziaria con lo spirito pragmatico e responsabile con cui affrontano i problemi ingegneristici e hanno scoperto più da vicino il mondo della finanza e la sua importanza per il Paese.

Finanza e sviluppo economico

Alla domanda: “Quanto è importante la finanza per lo sviluppo economico del Paese?”, André DeVincenzi, Domenico Truoiolo, Luigi Conversa e Michele Costopulos Cappi (alias The Engineers) hanno risposto con una metafora ingegneristica: “La finanza sta allo sviluppo economico, come l’ossigeno sta alla camera di combustione”. Hanno spiegato che, come la presenza di ossigeno è fondamentale perché avvenga il processo, ma allo stesso tempo un eccesso di ossigeno nella camera ostacola la combustione; così la finanza risulta fondamentale per lo sviluppo economico, ma un eccesso di risorse può frenare lo sviluppo del Paese.

Per una finanza più produttiva

Gli studenti milanesi attribuiscono dunque una grande importanza al settore finanziario, ma non si fermano a questa semplice considerazione e spiegano il loro progetto: “Pensiamo che gli attori che operano in campo finanziario a volte necessitano di un codice etico più rigido, che eviti che speculazioni si ripercuotano sull’economia reale. È dimostrato come alti livelli di “intermediazione finanziaria” contribuiscano allo sviluppo di un Paese. Noi vorremmo che questo fosse vero sempre, che il mondo finanziario aiutasse le famiglie a realizzare i propri sogni ed i giovani a costruirsi un futuro. Ovviamente perché ciò accada serve che fin da giovani si prenda dimestichezza con le dinamiche finanziarie. È importante che la finanza perda la sua immagine di soluzione magica per diventare ricchi in poco tempo e che cominci ad essere vista come uno strumento che al contempo può aiutare il Paese a crescere ed il risparmiatore a costruirsi solide basi per il futuro”.

I contenuti pubblicati in questa pagina sono degli studenti che partecipano alla CFASI Fund Management Challenge e non rappresentano le opinioni di CFA Society Italy o di altri soggetti connessi all'associazione o alla CFASI Fund Management Challenge. Le informazioni contenute nell’intervista non vanno in nessun caso interpretate come invito, suggerimento o raccomandazione di acquisto o vendita di titoli. CFA Society Italy, gli studenti e gli altri soggetti non assumono nessuna responsabilità in merito all’accuratezza o esattezza di quanto scritto. I contenuti pubblicati sono di proprietà dei relativi autori.